Dipartimento delle “Famiglie Ferite”

Pastorale Familiare

Chi siamo

Dipartimenti

Ascolto Famiglie

Consultori familiari

Spiritualita’ coniugale

Documenti e sussidi

Convegni e incontri

Eventi

Comunicazioni

Casella di testo: Collaborazioni con ...

Pastorale Giovanile

Pastorale Salute

Pastorale Cultura

Pastorale Anziani

Dipartimento delle

“Famiglie ferite”

Percorso S Maria di Cana                                    Locandina per chi ha già partecipato al percorso calendario 13-14 in allestimento

 

ARCIDIOCESI DI PALERMO

UFFICIO di PASTORALE FAMILIARE

Scarica  presentazione del percorso e del libro in  pdf

Percorso S. Maria di Cana

Accompagnamento pastorale

dei separati/divorziati non risposati né conviventi

L’Ufficio della Pastorale Familiare ha ufficialmente avviato, dal settembre 2003, una specifica azione pastorale per sostenere le persone separate o divorziate sole, perché, se il sacramento è stato celebrato validamente, la Chiesa ha il compito di aiutare questi fratelli a mantenere la fedeltà agli impegni matrimoniali1.

Il cammino spirituale è stato sottoposto all’attenzione di S.E.R. mons. Salvatore Di Cristina, già Vescovo ausiliare di Palermo oggi Arcivescovo di Monreale, che l’ha approvato e sostenuto fin dall’inizio. S.E. il Vescovo di Cristina ha anche scritto la prefazione al libro di Maria Pia Campanella Il dono di sé, ed. Effatà, che costituisce strumento di supporto del percorso di fedeltà al sacramento e lo ha presentato al Papa in occasione della visita ad limina nel 2007.

Il percorso prevede ogni anno un ciclo di incontri per pregare, per ampliare la formazione sul ministero sponsale dei coniugi (GS n. 48), per valorizzare il Matrimonio e approfondire il senso dell’indissolubilità nella situazione di separazione.

Per chi inizia a frequentare, le tappe del cammino sono fondamentalmente tre:

La riedificazione personale come figlio/a di Dio;

Il percorso del perdono;

Il Rinnovo del Si.

incontri possono partecipare tutte le persone che direttamente o indirettamente vivono la sofferenza della disunione familiare (figli, genitori, fratelli..) E tutte le persone che desiderano sostenere le persone separate ad essere fedeli agli impegni del sacramento.

Obiettivo.

L’obiettivo dell’accompagnamento pastorale è quello di sostenere il separato solo ed aiutarlo ad essere fedele al progetto nuziale di Dio per la coppia.

Contenuti, modalità degli incontri.

Gli incontri (bimensili) alternano i momenti formativi con quelli della rielaborazione personale e della condivisione comunitaria.

Le tematiche di approfondimento sulla vocazione matrimoniale si basano sulla Sacra Scrittura e sul Magistero della Chiesa.

 

1 Direttorio di Pastorale Familiare cap. VII n. 208, 209, 210. «Allorché i coniugi, verificandosi le condizioni previste anche dal codice di diritto canonico, usufruissero del loro diritto di interrompere la convivenza, la comunità cristiana, a iniziare dai sacerdoti e dalle coppie di sposi più sensibili, si faccia loro vicina con attenzione, discrezione e solidarietà………….»

 

Presentazione di S.E.R.

Vescovo Salvatore Di Cristina

Questo libro ha il profumo della Pasqua.

Un po’ come quella casa di Betania, dove “sei giorni prima della Pasqua la sorella di Lazzaro unse con una libbra di olio profumato, assai prezioso, i piedi di Gesù, sicché tutta la casa si riempì del suo profumo”. E’ stato Origene, antico commentatore cristiano, a porsi la domanda se l’annotazione dell’evangelista non abbia potuto alludere – misteriosa anticipazione – al profumo di Cristo che, tre giorni dopo la sua sepoltura, avrebbe inondato la grande casa di Dio, la Chiesa, per la potenza della sua risurrezione.

Ecco, la mia impressione è proprio questa: che ad abitare questo libro sia proprio il buon odore del Crocifisso risorto. Vi si respira infatti l’atmosfera serena della sofferenza portata con dignità e la dolcezza profonda di chi ne ha stemprato la pena nel conforto paterno di Dio; ma vi si avverte anche la gioia di un perdonare più soave del dolciastro sapore del risentimento e la consolazione del condividere tra fratelli più feconda dell’orgoglioso rifugiarsi in solitudine.

Vi si tocca dunque con mano l’imprevedibile potenza della fede nel Risorto: la sua attitudine a lenire sofferenze, rimarginare ferite, ammantare di misericordia ogni sofferta violenza.

Questo è anche il messaggio principale di cui si fa carico il libro. La sua autorevolezza deriva dalla grazia di Signore e dall’esperienza che se ne è potuto fare.

In prima intenzione tuttavia il volume ha anche uno scopo molto pratico, quasi di pastorale applicata.

Presentato il tema di fondo sulla rilevanza pastorale del fenomeno dei coniugi separati cristiani e, tra questi, di quelli decisi a rimanere fedeli al sacramento del loro matrimonio, l’autrice vi propone per questi ultimi un “Cammino spirituale”. Qui il libro assume la consistenza di un vero e proprio manuale di accompagnamento, senza perdere una sua sapienziale succosità. Il “manuale” è ricco infatti di suggerimenti alimentati dall’esperienza, spazianti dal piano psicologico, a quello morale e spirituale e perfino a quello liturgico. Chiude il volume una lunga appendice, anch’essa piuttosto composita, nella quale trovano posto avvertimenti preziosi per l’approccio pastorale dei separati, alcune testimonianze concrete – tra le quali spicca quella riferita alla vicenda emblematica del palermitano Servo di Dio Francesco Paolo Gravina, Principe di Palagonia -, e infine una essenziale raccolta di preghiere e di elevazioni dal titolo suggestivo “Lo Sposo è con noi”, che fa da didascalia a una bella icona di Gesù Maestro.

     Non sarà forse il caso di affermare che il libro lascia intravedere una soggiacente teologia, matura e       

      coerente, del fenomeno trattato. L’Autrice-compilatrice, del resto, non pretende competenza di teologa. Esso è senza dubbio il frutto di una intuizione del cuore illuminato dalla fede e che si è lasciato toccare e attraversare dalla grazia. E’ qui il suo merito e, come si diceva prima, la ragione di una sua autorevolezza.

Il libro gode ad ogni modo del privilegio di essere il “primo” documento scritto di questa intuizione. Un privilegio che si deve riconoscere anzitutto al suo essersi fatto carico della novità nel senso cristiano del termine, ma anche al fatto che esso rimane aperto ad ogni ulteriore dono dello Spirito.

Per tutto questo desidero accompagnarlo con la mia benedizione e con il mio augurio nel Signore Gesù, Sposo della Chiesa.

+ Salvatore Di Cristina

 

Mons. S. Di Cristina, già Vescovo ausiliare a Palermo oggi Arcivescovo di Monreale.

Il dono di sé, Maria Pia Campanella ed. Effatà 2006, http://www.effata.it/Libri/Temipastorali/ildonodise.html

alcune pagine in anteprima del libro si possono leggere: http://books.google.com/books?id=LHOL2HNvGy0C&hl=it